Il bikini nasce nel I-II ° secolo D.C. durante il periodo dell’impero romano e non veniva utilizzato per prendere il sole o per andare al mare era il dress code utilizzato per la ginnastica e la danza.

Solamente nel 1946 questo capo d’abbigliamento viene proiettato nelle spiagge quando lo stilista Loise Reard insieme allo stilista Jacob Heim (entrambi francesi) reinventaro il costume da bagno femminile a due pezzi . Era un capo sensuale ed innovativo, nessuno aveva visto niente del genere prima e nessuna donna o modella aveva il coraggio di indossarlo. Fu un capo che fece molto scalpore e ricevette molta disapprovazione da parte della società. Solamente la spoiarellista Micheline Bernardini andò contro tutti e decise di posare indossando questo nuovo capo.

 

In quello stesso anno , questo capo d’abbigliamento, sbarco negli Stati Uniti riscuotendo un successo enorme. Il potere di questo capo non era rivolto solamente alla sensualità che suscitava su di una donna ma la trasgressione, la ribellione, l’abbandono dei diversi tabù.

In Italia, invece, questo capo entrò nel mondo della moda solamente negli anni del secondo dopoguerra ma con molto astio. Gli stilisti lo rivisitavano appositamente in modo da coprire nuovamente più pelle possibile, le italiane non erano ancora pronte a lasciarsi andare a questo capo del tutto e neanche a lasciar andare tabù e tradizioni decennali.

L’impennata del bikini in Italia lo abbiamo solamente quando fu indossato da una delle bellezze italiane più conosciute al mondo Sofia Loren. Mentre nel resto del mondo ci furono Marilyn Monroe e Brigitte Bardot che portarono questo capo ad avere un successo planetario.

Negli anni 60 con la rivoluzione femminile, la voglia delle donne di rifarsi di tante mancanze avute negli anni, con la voglia di indipendenza e di rompere ogni tabù che fino allora le aveva tenute legate  la moda cominciò a proporre bikini sempre più ridotti.

Ed arriviamo ad oggi dove di bikini ne troviamo di tutti i tipi, dal più ridotto fino allo stile anni 50 che copre fino alla pancia. Un capo che rappresenta ogni estate di ogni donna di ogni età. Un must have. Colorato, monotono, con fantasie, con stampe ce ne sono davvero per ogni gusto ed oggi vi mostro il mio nuovissimo bikini di DIVISSIMA.

DIVISSIMA è un brand tutto made in Italy che realizza costumi da bagno, lingerie e anche capi d’abbigliamento.

Oggi vi mostro il modello che ho scelto io  ADELLE

Ovviamente è rosa ma quello che mi piace tantissimo sono queste gocce argentate che riflettono luce di tutti i colori.

 

 

 

 

 

Dovete sapere che mi vergogno un pò a farmi fotografare in giro per la città e che quando chiedo gentilmente ( mi impongo :D) che mi facciano due foto a casa scatta la commedia. Una risata dopo l’altra e per fare due foto decenti ci mettiamo un ora anche perchè io non riesco a starmi ferma 😀

 

27 commenti il Bikini Divissima

  1. A very interesting history, dear. I was unaware of any of that information. It made me think of the old song “Itsy Bitsy Teeny Weeny Yellow Polka Dot Bikini” 🙂 It really does have a story to it this garment. And what a nice choice you have made with your bikini. Bright pink and sparkly, sweet and pretty! And your body is so cute, dear, so amazing to see it! Especially loved that picture of your gorgeous belly and the bikini bottoms. Very sexy and wow for me 🙂 Lovely lady with a bright smile 🙂 Kisses

    All Things Bright and Lovely

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *