Ritrovare Se Stessi

Riparto da qui

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Come si riprende in mano un blog dopo quasi due anni di assenza?

Non lo so.

So che ho iniziato a scrivere questo post almeno 200 volte prima di pubblicarlo, e puntualmente ogni volta lo cancellavo per ricominciare da capo, non sapevo cosa scrivere, di cosa parlare, ma sento che è tornato il momento per me di ritornare.

Se sono stata assente per tutto questo tempo c’è stato un grande “perché” dietro, che fino a poco tempo fa non mi era chiaro. Questi due anni sono stati davvero particolari, difficili e intensi, pieni di avvenimenti che mi hanno preso alla sprovvista ogni volta e in tutto questo ho abbandonato il blog.

Per un lungo periodo ho pensato che non mi appartenesse più, non sapevo più cosa scrivere, di cosa parlare, perché non sapevo più chi ero io. Credevo che questo capitolo della mia vita fosse ormai chiuso e non avesse più nulla da darmi, e invece riflettendoci questo blog in tutti questi anni è stato un faro nella notte e nelle giornate più buie, è stato la mia ancora e continuerà ad esserlo anche in futuro.

Più di tre anni fa ho chiuso la mia ultima relazione sentimentale, e mi sono resa conto che ero diventata una versione distorta di me, non ero più io.

20 chili di più, una Serena totalmente disordinata, distratta, trasandata, non attenta più a nulla, una Serena completamente dipendente dalla necessità di avere qualcuno al suo fianco che le dicesse chi era, cosa le piaceva e cosa doveva fare nella sua vita.

Odiavo tutto questo perché non mi rappresentava affatto, ho impiegato tanto tempo a capire che questo era il problema alla base, perché inizialmente mi sono fissata sulla sofferenza, sulla non felicità e sull’impossibilità di trovare qualcuno che mi amasse, amasse davvero.

Poi però ho capito che tutto era collegato, per tanto tempo mi sono inventata, reinventata, adattata, e ambientata ad ogni luogo, ambiente, persona che ho incontrato e vissuto, come se fossi un camaleonte in preda alla paura di un attacco, ma in questo caso una persona alla ricerca di affetto che cambiava per piacere agli altri.

Mi sono resa conto di aver fatto questo per tutta la vita, in ogni relazione, fin da quando ero un’adolescente, ho sempre cercato di essere qualcun altro per ricevere l’approvazione di qualcuno, per sentirmi dire dagli altri che andavo bene, che ero perfetta così, ma in ogni mia sfumatura, faccia, versione, non c’era nulla di me, o forse da qualche parte ci doveva essere qualcosa di me ma non sapevo cosa fosse.

E quindi come risolvere questa cosa? Come può capire una 30enne chi è? Cosa le piace veramente? Cosa vuole fare da grande? Avevo bisogno di tempo, di distacco, di capire. Ma invece di affrontare tutto questo ho preferito chiudermi nella mia carriera lavorativa, l’unica cosa sicura e certa perché mi dava la stabilità economica di cui avevo bisogno, dimenticando tutto il resto.

Mi sono pian piano isolata dal mondo, nel mio dolore, chiusa in me stessa senza avere più la capacità di amare, di aprirmi a qualcuno o di trovare qualcosa che davvero amassi fare. E poi? E poi è arrivata la vita.

E poi è arrivata proprio lei la vita che mi ha riportato al presente, alla realtà, che mi ha costretto ad uscire dalla mia zona di confort. La vita mi ha spinto contro ogni mio limite, mi ha obbligato ad affrontare le mie più grandi paure, mi ha obbligato a fare delle scelte, e mi ha obbligato a fare un viaggio interiore che mai avrei immaginato di affrontare.

Ed è in questo momento che mi sono resa conto che ero solo una versione distorta di me, tante versioni di una donna differenti incollate in un’unica persona. Ecco, così mi sono sentita e così mi sento oggi.

Sono stati due anni molto difficili ma non sempre, ho scoperto di nuovo la gioia di ridere senza un motivo, di stare fuori in mezzo agli altri tra risate e buona compagnia, ho scoperto nuovamente la bellezza di tornare a stupirmi, di credere in me e di scoprire nuove cose di me.

Mi sono scoperta forte, ho visto la mia fragilità, ho superato molte delle mie paure, ho preso decisioni (molto spesso sbagliate ma altre volte giuste), e alla fine ho deciso di ricominciare da qui.

Non so ancora chi sono, non so ancora cosa amo fare, non so ancora un bel niente, ma so che questo percorso lo affronterò con il sorriso anche se mi spaventa a morte, e che merito di trovare tutto quello che cerco dentro e fuori di me. Quindi eccomi qui, a ricominciare dal blog per riscoprire me stessa, le mie passioni, e tutto ciò che mi riguarda.

Questo è un periodo molto particolare per me, in cui ho in previsione un miliardo e mezzo di cambiamenti, e spero che voi ci sarete come ci siete state in questi 10 anni di BLOG  <3

A presto!!

Mamma e scrittrice per amore e passione. Romana dalla nascita. Amante della moda e dell'arte in ogni sua forma.

1 Comment

  1. Bentornata Sere!!!
    Mi dispiace che tu abbia attraversato un periodo così buio, ma sono convinta che certi momenti siano assolutamente necessari e che prima o poi li passiamo tutti nel processo di “crescita”….
    Fortunatamente mi sembra di capire che ormai il peggio sia passato e che tu sia partita alla (ri)scoperta di tee stessa piena di grinta e positività: vedrai che, con questa nuova consapevolezza, ti aspetteranno tante belle cose!
    In bocca la lupo per tutto!
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.com

Write A Comment